T

T

«E tornando a casa guardavo le stelle che brillavano dolcemente e questa vista mi rapiva... C'era soprattutto un gruppo di perle d'oro che io notavo con gioia trovando che era a forma di una T, lo facevo vedere a Papà dicendogli che il mio nome era scritto nel Cielo e poi, non volendo vedere niente della terra vile, gli chiedevo di farmi da guida; allora alzavo la mia testolina verso l'aria, senza neppure guardare dove mettevo i piedi, e non mi stancavo di contemplare l'azzurro stellato!» (Teresa di Lisieux)
Data :1 Ottobre 2022
Le ragioni dell’Altro

Le ragioni dell’Altro

Le ragioni dell'altro non sempre sono identiche alle nostre. Forse basterebbe avere il tempo e il coraggio di ascoltarle, soprattutto se queste ragioni non sono affatto note o se sono radicati in fatiche e tensioni ataviche. Si incamminò verso Gerusalemme, per il pellegrinaggio della sua vita, per quel cammino che chiede a ciascuno di uscire da sé per andare incontro all'altro. Qui sono da ritrovare le ragioni della vita stessa di Gesù, il senso e lo scopo del suo andare di città in villaggi a portare consolazione.
Data :27 Settembre 2022
Grandezza? Accogliere piccolezza

Grandezza? Accogliere piccolezza

È forse immediato riconoscere la signoria di Dio in un contesto religioso, durante una celebrazione, nella preghiera... poi nella concretezza dei giorni eccoci a discutere anche noi su chi sia il più grande. Colui che si farà servo di tutti eccolo prende un bambino per mostrare che la grandezza viene dall'accoglienza e l'accoglienza del più piccolo - in realtà - apre proprio alla conoscenza del più grande. La prospettiva evangelica ribalta quella umana: sentirsi e sapersi piccoli in questo mondo, non inseguire ruoli, incarichi o prestigio, fa del più piccolo il più grande in quanto capace di conoscere Colui che ci accoglie.
Data :26 Settembre 2022
Bisso e abisso (ignorare è fingere di non vedere e non sapere)

Bisso e abisso (ignorare è fingere di non vedere e non sapere)

Dal fondo del mare si estraeva questa materia preziosa - il bisso - che marcava uno status sociale ben superiore. È il mare, con i suoi abissi a simboleggiare il luogo da cui salvare l'uomo. L'indifferenza è un abisso. E poi la morte: abisso che segna un punto di non ritorno. C'è da salvare l'uomo dall'abisso, far riemergere umanità prima che siano i cani a bagnarci il naso! Il Vangelo ci insegna a decifrare anche la lingua dei cani, quel linguaggio di compassione che gli uomini sembrano aver smarrito da tempo.
Data :25 Settembre 2022
Sperperare beni o sperare (ancora) nell’uomo?

Sperperare beni o sperare (ancora) nell’uomo?

Eravamo rimasti sulla soglia di una casa. Da una parte la festa già iniziata per il figlio ritornato in vita e dall'altra un altro figlio che misconosce il fratello. È qui che ci facciamo sorprendere quando si tratta di dire chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo.L'uomo è questa creatura sempre in bilico tra le relazioni e le cose, tra il possesso e il dono. La speranza è di essere sempre trovati in una grande comunione che è frutto di sconto.... quello fatto dalla misericordia, dalla generosità e dalla magnanimità. C'è davvero molto da sperare, intanto che dobbiamo ancora fare i conti con i beni della Terra.
Data :18 Settembre 2022
Ci convertiremo alla gioia di chi è tornato alla Vita?

Ci convertiremo alla gioia di chi è tornato alla Vita?

Quegli scribi e farisei si stavano ancora facendo un idolo da adorare, stavano credendo ad un dio che usciva dalla loro testa, dalle loro profonde convinzioni ma che nulla aveva a che fare con quel Dio che Gesù ha raccontato. Facevano i buoni perché ancora si credevano figli di un dio facilmente irascibile. Scriveva il beato Charles de Foucauld: «C'è una tale differenza tra Dio e tutto quello che non è lui!». La prospettiva è semplicemente ribaltata: coloro che consideriamo «lontani» sono già seduti a tavola. La lontananza è quella di scribi e farisei che nemmeno riescono a partecipare di questa gioiosa scoperta, di ogni gioioso ritrovamento.
Data :11 Settembre 2022
Insegnaci a guardare oltre

Insegnaci a guardare oltre

Per parlare con Dio occorrerebbe innalzarsi. Per esprimere compassione e tenerezza invece serve abbassarsi, farsi piccoli, prendere l'ultimo posto. In quel «voi» del Vangelo ci sentiamo considerati personalmente, non ignorati ma pure accompagnati, affiancati. In quel «voi» c'è già qualcosa che parla di un Dio venuto a far compagnia all'uomo. Non è uno sguardo posato su presunti disgraziati. È uno sguardo sincero ed onesto che si posa anche su coloro che sono già sazi, già ricchi. Per tutti l'invito è a guardare oltre.
Data :7 Settembre 2022
Dobbiamo dunque farli due conti oppure no?

Dobbiamo dunque farli due conti oppure no?

Eccoci a dover fare i conti per l'aumento dei prezzi: benzina, gas, elettricità, materie prime... fino ai generi alimenti di prima necessità, senza dimenticare l'acqua. Cogliere l'occasione nefasta per affinare l'arte del risparmio o per chiederci cosa è più essenziale? Le due parabole evangeliche sembrano invitarci ad un lavoro di prudenza. Ben oltre ogni umano calcolo, il volere di Dio è salvezza offerta a chi vede la propria torre crollare, a chi non sa più nemmeno ricercare la pace. Quando smetteremo di calcolare ciò che andiamo perdendo e impareremo ad abbracciare i nostri fattori di rischio, torneremo ad essere generativi.
Data :5 Settembre 2022
Autorità

Autorità

Autorità è certamente potere di comandare e d'essere obbediti, ma ancor prima chi esercita autorità deve sapere che lo farà per far crescere, per rimettere in piedi. Autorità è chiamare ogni cosa ad esistere, è richiamare l'uomo al suo principio, al suo legame più autentico con la Vita.
Data :30 Agosto 2022
Cos’hai in testa?

Cos’hai in testa?

«Cos'hai in testa?» è domanda che rivolgiamo a chi ha progetti dai contorni non troppo definiti, ma è pure domanda per chi non ha sale in zucca. Perdere la testa è piuttosto espressione di follia, di infatuazione, di perdita di senno. Ma cosa aveva in testa Giovanni Battista se di lui vollero proprio quella parte del corpo a conferma della sua eliminazione? Anche Giovanni Battista è membra del Corpo di Cristo. Egli sa che Cristo è il capo. E tutte le membra ricevono dal capo linfa di Vita eterna; tutte le membra ricevono dal capo un ordine: dare la vita per chi si ama.
Data :29 Agosto 2022
Il Creatore disse alla luna…

Il Creatore disse alla luna…

Quando offri un banchetto invita coloro che pagano spesso il prezzo dell'esclusione per non incorrere nel rischio di non vedere più in essi un fratello, un figlio, un amico... Saremo dunque capaci di vedere nell'umiltà di quel Servo che non si stanca di invitarci al banchetto la grandezza del Figlio di Dio? Alla tavola di questo mondo, saremo capaci di vedere in coloro che ci siedono accanto dei fratelli?
Data :28 Agosto 2022
La prova vivente

La prova vivente

Gesù è anzitutto la prova vivente di cosa significa essere uomo. La porta stretta siamo noi per noi stessi. Essere uomini è sempre una dura lotta contro la disumanità che contraddistingue ambiguamente l'essere umano. La porta stretta è questa fessura di umanità che dobbiamo cercare dentro la quale far passare questo Dio misterioso che viene a sostenere quest'unica lotta autorizzata dal Vangelo, rendendoci più agili con la sua misericordia, perché non abbiamo a desistere, a rinunciare ma sempre tenendo fisso lo sguardo su Gesù che indica la traiettoria, la direzione, il senso di questo sforzo... egli è prova vivente dell'uomo per l'uomo.
Data :21 Agosto 2022