Torneremo a fidarci?

Torneremo a fidarci?

Tu dici: "Vi farò pescatori di uomini". Ma gli uomini mica sono dei pesci che abboccano facilmente! La diffidenza oggi sembra la nota distintiva dell'uomo. Siamo diventati specialisti del sospetto, come se dovessimo scovare «la fregatura» che c'è sempre dietro l'angolo. Non sono bastati regali da aprire nei giorni di festa o sorprese dentro l'uovo di Pasqua per comprendere che la Vita ha già di per sé in serbo sorprese. Che uno sguardo attento e una Parola capace di invitare più che di respingere, ci possono salvare dalla sfiducia nella quale annega l'uomo.
Data :30 Novembre 2021
L’orizzonte tra cielo e terra

L’orizzonte tra cielo e terra

Per il mistero che ci stiamo preparando a celebrare, per quel natale di Gesù in terra, non possiamo che convertirci a questa divina vicinanza. Credo che ci sia ancora molto da lavorare in favore del Vangelo e in favore dell'uomo quando questi non fa che credersi così impossibilitato all'incontro con Dio. L'orizzonte non è solo linea di separazione ma punto di contato. Qual'è dunque l'orizzonte della nostra fede, il punto di contatto tra cielo e terra, tra Dio e l'uomo?
Data :29 Novembre 2021
In compagnia di Marcovaldo

In compagnia di Marcovaldo

S’è aperto davanti a noi il tempo dell’Avvento ed abbiamo già iniziato anche questo nuovo ciclo di letture e di ascolto. Ce ne andremo, uscendo di casa, in compagnia di Marcovaldo per strade e per piazze, attraversando più volte tutte le stagioni… e che cos’è tutto questo se non il racconto di noi? Si parla seriamente dell’uomo con quel pizzico di autoironia che a volte sembra mancare.
Data :28 Novembre 2021
E Tu rispondi, ritornando a noi

E Tu rispondi, ritornando a noi

Troppo a lungo e troppo spesso abbiamo sperato di essere esenti da prove, da paure o da pericoli solo perché credevamo di credere. Ma credere non è sperare d'essere esonerati da scombussolamenti. Oggi è tempo di grandi cambiamenti anche sulla Terra. Cambia il modo di vivere e di vivere insieme. Gli sconvolgimenti sono in atto, dice da sempre la Parola di Dio. La precarietà della vita è sotto i nostri occhi ma il principio che la alimenta non è la paura.
Data :28 Novembre 2021
Leggerezza e precarietà (tu hai un avatar?)

Leggerezza e precarietà (tu hai un avatar?)

Un buon domani si prepara nel presente. Pregare e precario vengono dalla stessa radice. Vegliare pregando è stare dunque attenti a non dimenticare la nostra precarietà. Sarà progresso, sarà tecnologia, sarà ingegno umano il potersi pensare presenti anche in una terra virtuale... ma io continuo a trovare molto bello soppesare attentamente e seriamente la propria fragilità e sapere che Qualcuno la ama più di noi e, amandola, la custodisce! Inviti e verbi evangelici lo dicono chiaramente!
Data :27 Novembre 2021
Faremo parte del Giardino?

Faremo parte del Giardino?

Ci siamo abituati a guardare oggetti e cose fatte da mani d'uomo. Cose che si rovinano, si rompono, si guastano, finiscono, crollano. Le cose, gli oggetti, sono indifferenti alle stagioni. Ci siamo perciò abituati a vedere il passare del tempo solo come usura, come deterioramento, mai come una metamorfosi, una trasformazione continua. La fine del mondo assomiglia piuttosto ad occhi chiusi e spenti che non sanno più cogliere questa continua trasformazione verso una vita piena, più feconda. 
Data :26 Novembre 2021
Daremo compimento a ciò che è scritto?

Daremo compimento a ciò che è scritto?

Avendo fede nella Parola di Dio, Parola diventata Libro e Legge, non potevano che attendersi il compimento di quanto si leggeva in essa. Il compimento non riposa nell'avverarsi di nefaste profezie, ma nello scegliere liberamente di vivere i consigli che il Vangelo propone a chi li medita. Se così fosse, stiamo continuando a dare compimento alla Parola.
Data :25 Novembre 2021
Doni inconsueti per animi sensibili (le audioletture d’Avvento)

Doni inconsueti per animi sensibili (le audioletture d’Avvento)

Apro un libro e inizio a leggere: "il vento venendo in città da lontano, le porta doni inconsueti, di cui s'accorgono solo poche anime sensibili" La scelta è fatta. Queste poche righe sono bastate. Io mi ci metto d'impegno a preparare una narrazione decente o almeno gradevole all'orecchio. Il resto so che lo farete voi, secondo i vostri ritmi giornalieri che immagino abbastanza diversificati. Ci sono però piccole oasi di ascolto che abbiamo imparato a dedicarci e questo è l'unico intento delle audioletture.
Data :24 Novembre 2021
Un Corpo in cui matura la perseveranza

Un Corpo in cui matura la perseveranza

Essere perseveranti non è una prova personale di resistenza, come se dovessimo decretare il vincitore al termine di una lunga gara. Il Vangelo ci invita a ritrovare il senso collettivo della perseveranza. È un altro modo per dire che non siamo soli. La perseveranza a cui allude il Vangelo di oggi è piuttosto una percezione di sé (un sé personale e collettivo, se così si può dire) che si acquisisce proprio nei momenti di prova e di difficoltà. A pensarci bene: quando la nostra anima s'è risvegliata maggiormente? Quando ne abbiamo sentito il suo valore?
Data :24 Novembre 2021
Ma allora te la sei cercata?!

Ma allora te la sei cercata?!

L'istituzione del Tempio vantava così una storia più che millenaria. Chi avrebbe osato mettere in dubbio la sua solidità? Eppure Gesù, come un paradosso, si permise di pronunciare la parole che oggi ascolteremo, mentre alcuni si beavano di tanta bellezza e di tanta solidità. Egli dona la vita ma parla della fine, della provvisorietà di certe cose. Com'è possibile parlare di fine se il suo ritorno è garanzia di cose nuove? Cosa c'è all'orizzonte?
Data :23 Novembre 2021
Riconoscere il superfluo

Riconoscere il superfluo

Diceva Oscar Wilde che niente è più necessario del superfluo. Trasformare un gesto della fede in una finzione religiosa che maschera questa bramosia di essere notevoli è la cosa che più impoverisce il cuore dell'uomo.  Occorre davvero riconoscere e distinguere chiaramente ciò che è necessario da ciò che è superfluo. Il superfluo si finisce per cercarlo sempre facendo pure grandi sforzi mentre il necessario si offrirà a noi come un dono. 
Data :22 Novembre 2021
La verità della nostra vita

La verità della nostra vita

Noi umani, ci illudiamo quando pensiamo di vedere chiaro. Pare davvero che tutto sia costruito a regola d'arte per farci dimorare nel più totale relativismo, quasi fosse un miraggio di libertà. Basterebbe allora imparare a chiudere gli occhi. Non per dormire. Forse per sognare. O più semplicemente per attendere visioni. Ci basterebbe chiudere un attimo gli occhi per chiedere a Dio di farci vedere chi sia l'uomo e perché Dio stesso se ne è dato tanto pensiero.
Data :21 Novembre 2021