Quel battesimo che parla al nostro cuore

Quel battesimo che parla al nostro cuore

L'acqua spegneva le peggiori passioni ardenti come la sete di vendetta, il bisogno di farsi giustizia. Quell'acqua, senza che Giovanni lo sapesse, detergeva la paura dell'ira divina imminente.  Ora si può vivere in questo mondo, cercando anzitutto il regno di Dio già presente. C'è un punto di contatto ove terra e cielo si incontrano. Quel punto di compiacimento è nel cuore dell'uomo, nel suo intimo più profondo dove, tra mille voci, ascoltiamo quell'unica Voce che nel deserto parla al nostro cuore.
Data :9 Gennaio 2022
Indizi pasquali

Indizi pasquali

Quando si incontrano persone oppresse, ci accorgiamo subito che non hanno gran desiderio di mangiare. Spizzicano come uccellini e questo gli basta per vivere... ma la loro fame è esattamente un'altra: cercano giustizia, sono in cerca di risposte di senso che non vogliono neppure già pronte, cercano compagni di viaggio e non persone che li mettano ai margini perché colpiti da una sciagura. Più che cibo servono commensali, gente disposta a stare a tavola con chi si sente smarrito.
Data :8 Gennaio 2022
Abitare la Galilea delle genti

Abitare la Galilea delle genti

Da piccoli impariamo a ripetere un po' tutto quello che ascoltiamo in giro, senza nemmeno sapere il significato di alcune parole. C'è un tempo nella crescita di una persona che coincide proprio con questo tempo in cui si ascoltano e si assorbono pensieri, opinioni, parole di ogni genere. Non parlo solo del tempo dell'apprendimento di alcune nozioni, di alcuni meccanismi e di alcuni funzionamenti. Ci illudiamo di poter crescere una persona immergendola completamente in un pensiero unico, univoco. Ci manca il tempo della riflessione, dell'interiorizzazione, del metabolizzare quella parola che può farci crescere.
Data :7 Gennaio 2022
Figli delle stelle e pronipoti del denaro

Figli delle stelle e pronipoti del denaro

C'è in noi una naturale propensione a cercare Luce, non fosse che un puntino, nella notte profonda. E tra i desideri si cerca sempre quel primo che si vorrebbe realizzato. Eppure quanto turbamento ci prende anche oggi al pensiero che qualcuno su questa terra possa muoversi seguendo un sogno di Vita piena e di libertà e non dietro flussi di denaro o di tornaconti. Non si tratta di gareggiare in generosità. Anche questo sarebbe soltanto espressione di potere. Si tratta più decisivamente di adorare questo Bambino e di accettarne la sua proposta di Vita. E portare sulle nostre labbra la sua parola... crocefissa, ammutolita, ma poi risorta.
Data :6 Gennaio 2022
…in attesa dell’Epifania

…in attesa dell’Epifania

I Magi sono anzitutto emblema di umana generosità. In ogni incontro c'è sempre uno scambio. E non si tratta soltanto di non arrivare a mani vuote, ma di saper riconoscere ciò che l'altro mi può offrire.  C'è un significato - forse troppo primordiale? - di tutte le feste natalizie in genere: si racconta la capacità di fare dono! Buon ascolto...
Data :5 Gennaio 2022
Geolocalizzare la fede?

Geolocalizzare la fede?

Niente campanilismi, niente arroccamenti. La geolocalizzazione della fede avviene sotto uno dei tanti alberi di fichi, nella frazione di secondo in cui viene pronunciata la parola che invita al movimento, ad uscire da sé, come dal proprio paese, come dalle proprie convinzioni. «Seguimi!» C'è un solo pellegrinaggio, un solo cammino che dovremmo compiere e lasciar compiere anche ad altri: verso la Vita.
Data :5 Gennaio 2022
La nascita della fede

La nascita della fede

È comprensibilmente umano questo atteggiamento di collocare Dio sempre distante da sé. Tenere le distanze da Lui darebbe anche una certa sicurezza; sottolineare distanza garantisce agli esseri umani quel senso di indegnità, di non essere all'altezza... con il conseguente pericolo di non provarci nemmeno. Nel Vangelo si intuisce abbondantemente che la fede è esattamente questa umana fiducia di muovere i propri passi dietro ad un Uomo che cammina davanti a noi. Ciò che è da sempre si incontra con il provvisorio.
Data :4 Gennaio 2022
Il Logos si fa dia-Logos

Il Logos si fa dia-Logos

Una Parola (Logos) da sola cosa può fare se non entra essa stessa in dialogo con altre parole? La Parola ha bisogno pure della Voce per essere udita. La stretta connessione di Parola e Voce genera dialoghi. Può essere dunque prezioso ricordare anche questo nei giorni del Natale: la Parola di Dio prende carne perché tra gli uomini nasca e cresca il dialogo.
Data :3 Gennaio 2022
Il Natale e i modi per raccontarlo

Il Natale e i modi per raccontarlo

Natale ci sono molti modi per dirlo. Lo rappresentiamo subito davanti agli occhi dei piccoli realizzando un presepio e intanto lo raccontiamo servendoci delle parole dei Vangeli di Luca e di Matteo. Ogni tanto in casa come in chiesa parliamo la stessa lingua, compiamo gli stessi segni. La distanza che ci separa dal Natale di Gesù e perfino la distanza che ci separa dalle feste natalizie di quand'eravamo fanciulli, non deve diventare motivo di dubbio o di nostalgia, ma semplicemente un invito ad approfondire ancor di più quel mistero del nascere, del venire alla Luce, il mistero d'aver imparato a parlare...
Data :2 Gennaio 2022
Scorre il tempo e apre domande

Scorre il tempo e apre domande

Scoprire che il tempo non è come pensavamo apre mille domande. Sapremo, senza temerlo, benedire il tempo che ci viene donato e non solo maledire il tempo passato? E sapremo restare fedeli a questa benedizione del tempo futuro che oggi fiorisce sulle nostre labbra nella forma di uno scambio di auguri o di una preghiera? Il tempo che passa è un affluire di possibilità nuove, un germogliare della vita. Il tempo che viene è colmo di possibilità e di appelli.
Data :1 Gennaio 2022
Quei meravigliosi mottetti natalizi

Quei meravigliosi mottetti natalizi

In questi giorni natalizi, intervallo a preziosissimi e lunghi tempi di silenzio, l'ascolto di queste musiche. Sono un invito alla preghiera e alla contemplazione. Un invito ad alzare lo sguardo, ad affinare l'ascolto. Chissà se la somma delle nostre personali contemplazioni potrà fare più vero il mondo di domani. 
Data :30 Dicembre 2021
Lo stupore in quel Figlio

Lo stupore in quel Figlio

Quel Bambino che Maria e Giuseppe stavano presentando al Signore sarà un bel Mistero in seno alla fede del suo popolo e metterà in crisi questa visione possessiva della vita, dei legami e del rapporto con le cose.
Data :29 Dicembre 2021