Ricetta per un nuovo annuncio

Ricetta per un nuovo annuncio

Stamattina a colazione, credo che aprirò un vasetto di marmellata di fichi. Ringraziando semplicemente per questo frutto e per tante cure. Correte a comprarvene uno. Se non oggi, nei prossimi giorni, mettete in tavola un vasetto di marmellata di fichi, offritela su una fetta di pane... senza perdere l'occasione di far gustare la bellezza di questo brano di Vangelo e la bontà del Signore verso tutte le sue creature. Che la casa torni ad essere il primo luogo di annuncio del Vangelo e non solo il salotto dove rimbombano - anche a non volerlo! - fatti di cronaca nera. Custodiamo la casa e il Vangelo. Anche servendoci di un semplice vasetto di marmellata di fichi.
Data :23 Ottobre 2021
La strada della speranza

La strada della speranza

Qualcuno - certamente - troverà banale che un Papa si esprima con un linguaggio così semplice, prendendo per di più ispirazione dalla segnaletica stradale. Ma si parla di strada dalle speranza. Forse è bene ricordare che il Vangelo stesso è pieno di metafore e di similitudini prese dalla vita stessa. Tra gli immancabili numeri di cui sembriamo sempre aver bisogno per fare i conti sulla nostra vita, ho afferrato tra le notizie, proprio le parole di Francesco.
Data :22 Ottobre 2021
Due lieviti a confronto

Due lieviti a confronto

Le folle numerose assomigliano ad un'amalgama non ben definita alla quale si deve solo aggiungere del lievito per dare inizio ad una lievitazione. Farsi grandi non è che sfuggire, per propria scelta, allo sguardo di Dio. A noi di scegliere con quale lievito far lievitare la nostra vita: se il lievito dei farisei o il lievito del Regno di Dio. 
Data :15 Ottobre 2021
Nella piana di Ninive

Nella piana di Ninive

Proviamo ad allargare l'orizzonte. E facciamolo insieme ai piccoli. Prendete un atlante o un mappamondo (esistono ancora?), una mappa geografica o una qualsiasi app(licazione) e cercate Roma. Poi Baghdad. Sei mila anni di storia! Noi veniamo da lì, le radici della nostra fede affondano lì: quello è il luogo dei racconti biblici, quelli che stiamo leggendo, dove ha vissuto Abramo, dove ha camminato il profeta Giona, dove gli abitanti di Ninive al sentirlo parlare si sono convertiti... Il mondo al tempo della pandemia s'è rimpicciolito: dentro le mura di casa sembra che tutti i problemi siano i nostri. Ma ci sono situazioni di cui non sappiamo né parliamo più. Un viaggio con Francesco ci può fare bene.
Data :5 Marzo 2021
La Parola che converte le nostre parole

La Parola che converte le nostre parole

Un grande baule, una vecchia valigia di cartone.Si propone un viaggio, un percorso. E partiamo verso il paese dove c'è "la grande fabbrica delle parole". Una paese dove la gente non parla molto. Poco. Le parole hanno un valore e così finisce che sono sempre i ricchi ad avere più parola e i poveri sono costretti ad utilizzare le parole che trovano nella spazzatura. È un po' così che gira nel mondo: sono i potenti ad aver voce mentre i poveri... sembra che le loro parole non abbiano valore...
Data :25 Gennaio 2021
Motori di ricerca e dilemmi sociali

Motori di ricerca e dilemmi sociali

Tutto (o quasi) quello che cerchi oggi lo trovi qui. E dicendo «qui» intendo dire in rete. Nel fitto groviglio delle connessioni, nella galassia di infiniti puntini connessi tra loro, di computers e smartphone ormai perennemente accesi. E mentre tu cerchi e ti senti protagonista della tua ricerca, in realtà sei il pesce pescato. Ci sono domande e atteggiamenti che sono profondamente evangelici. Stanno all'inizio del Vangelo, costituiscono come un punto di partenza, un punto di incontro. Queste domande oggi sembrano perfino essere state trafugate dal Vangelo. In realtà sono domande dell'uomo e il Vangelo le contiene perché ha a cuore l'umano secondo Dio.
Data :5 Gennaio 2021
Il nocciolo della questione

Il nocciolo della questione

L'immagine appare fuorviante. Non è stagione di questi frutti. Ma veniamo al nocciolo della questione: il pescatore di uomini che è venuto a salvare ciò che era perduto. La vita prende così un altro sapore, un'altra postura. Colui che vide i cieli aprirsi per sé, ora vede un tetto scoperchiarsi. Quell'uomo calato al cuore del suo insegnamento diventa occasione per dare corpo al suo insegnamento e senso alla sua presenza in mezzo a noi. La nostra esistenza ha un altro centro attorno al quale può costruirsi, un nocciolo di fede attorno al quale la polpa è già frutto buono.
Data :7 Dicembre 2020
Quando un campanello bastava a risvegliare attesa e fede

Quando un campanello bastava a risvegliare attesa e fede

Mentre i più piccoli scrivono lettere ai santi che in questo tempo portano i doni, publico nuovamente un mio scritto a proposito di questa tradizione che sta subendo una strana trasformazione. Il testo porta la data 2019, quando ancora ci si poteva recare a Bergamo nella chiesa dedicata a santa Lucia per depositare lì la propria lettera. Fatti i debiti adattamenti a questo tempo di pandemia, questo articolo può aiutarci a non perdere il senso di certe tradizioni che legano piccoli e grandi in un grande esercizio che potrebbe fungere da laboratorio per la fede.
Data :4 Dicembre 2020
Sentinelle cercasi

Sentinelle cercasi

Guardare fuori, oltre la finestra mi pare davvero esercizio spirituale: nell'indefinito caos della notte, magari accompagnato da dense nebbie di stagione e di regione, attendere il levar del sole che chiama ad esistere ogni cosa. E poi l'uomo a dare il nome a ciò che esiste. Impariamo a guardare non solo ciò che non c'è concesso di fare, ma cogliamo l'occasione favorevole di fare qualcosa che stavamo letteralmente trascurando. E così mi piace pensare a quest'olio che prendiamo perché la nostra vita non si consumi e non si spenga scioccamente, senza sapore.
Data :8 Novembre 2020

Mica c’abbiamo scritto in fronte “sali e tabacchi”!

14 settembre, anno del Signore 320. Elena, madre dell'imperatore Costantino avrebbe trovato nei pressi del Golgota la croce sulla quale morì Gesù. Occorre aver deciso con tutto il cuore, con tutta l'anima, con tutte le proprie forze di voler ascoltare che cosa dice Dio per reggere davanti alla croce. Un segno di croce tracciato dai genitori sulla fronte dei figli potrebbe segnare davvero un nuovo inizio!
Data :14 Settembre 2020